Istituto Miriam Polster - Chi siamo - Istituto Miriam Polster

Vai ai contenuti

Menu principale:


CHI SIAMO

L’Istituto Miriam Polster è stato fondato all’inizio del 2002 da Alessandra Petrone e Stefania Pagni. E’ un’associazione senza fini di lucro che svolge un lavoro di ricerca culturale, clinica, scientifica e formativa. E’ socio AICo (Associazione Italiana Counsellor) e CNCP

Ogni anno si promuovono, presso la Sede di Via San Marcellino 8/a - Firenze  (zona Viale Europa):

  • Interventi di terapia individuale, di gruppo, di coppia e di famiglia.
  • Seminari residenziali a tema
  • Corsi specifici di formazione in ambito scolastico, aziendale


All'interno dell'istituto vi è la Scuola di Gestalt Counselling: un training triennale di formazione in cui si tengono:
  • seminari legati all'espressività e creatività artistica;
  • seminari di narrazione e condensazione poetica: scrittura creativa, dal segno alla scoperta dello stile;
  • seminari di formazione nel campo dell'intercultura: accoglienza del disagio e della diversità; conoscenza e valorizzazione di risorse e saperi di altre culture
  • seminari per operatori coinvolti nell’emergenza

Attività svolte su territorio
  • Negli anni 2002/03 diversi incontri gratuiti al Centro delle Piagge, presso Padre Santoro, con i bambini rom e migranti. Incontri esperienziali, di gioco, di disegno ed altro, per far sì che legassero tra di loro, che sentissero l’accoglienza.
  • Sempre alle Piagge incontri sul  "Teatro dell'Oppresso"
  • 2004 - 2005 Attività d Counselling nella scuola Media di Bugunto, Fiesole, insieme alla counsellor, Dott.ssa Camilla Cappuccin, attività di Gestalt con circa 60 adolescenti di 2 classi di terza media.
  • 2005 primavera- estate : ciclo di conferenze gratuite su argomenti legati al sociale, “ La comunicazione come strumento di Pace e Solidarietà”, e "La comunicaziona interrotta", con tutto lo staff dell’Istituto Miriam Polster, al quartiere 2 di Firenze
  • 2006: inverno- primavera: diversi incontri teorico- esperienziali con gli operatori delle cooperative G. Di Vittorio, Zenit e dell’Istituto degli Innocenti sull’immigrazione. Tra i vari aspetti anche quello della genitorialità.
  • 2006 novembre Intervento teorico ed esperienziale al corso di Laurea di Economia dello Sviluppo Avanzata (ESA) dell’Università di Firenze sulle competenze e risorse del cooperante a contatto con popolazioni extra-occidentali
  • 2006 - 2007 dicembre- marzo. Incontri settimanali, ogni lunedi dalle 21 alle 23 alla "Casa mamme" della Caritas di Via Aretina,  per far sì che, attraverso la Gestalt ed il gioco, l’odio, il razzismo verso le mamme migranti dal'l’Albania, dalla Polonia, dall Marocco, dallla Somalia si trasformasse a poco a poco in solidarietà e sostegno.
  • 2007 - 2008 Serie di colloqui gratutiti con donne di religione islamica, provenienti da diversi paesi, dal Magreb al Medio Oriente, promossi anche dalla Dott.ssa Valentina Barlacchi, su quello che significa essere donna oggi, per noi, come per loro.
  • 2010 settembre: Intervento al “Corso Di Mediazione per la Pace”, per un approccio rispettoso ed efficace nei confronti di popolazioni extra-occidentali, presso il CIMIC, caserma Nato, ad Aviano.
  • 2013 - 2017 Supervisione degli operatori ed educatori della Cooperativa InTessere

IL COUNSELLOR
Il Counsellor è una nuova figura professionale che, attraverso la relazione d’aiuto, accompagna il cliente ad accrescere l’autocomprensione e l’autoesplorazione, facilitando e attivando il processo decisionale. Questo “prendere per mano” aiuta il cliente a riconoscere e consapevolizzare i suoi bisogni e le sue possibilità per utilizzarle al meglio nella gestione delle problematiche personali. Il Counsellor è un operatore in grado di promuovere il benessere dell’individuo. Facilita, inoltre, lo sviluppo delle potenzialità e delle risorse del gruppo, delle organizzazioni e delle comunità, quindi è di utilità anche nel campo dell’apprendimento (scuola e formazione), assistenza (sociale e sanitaria), e ovunque ci sia necessità di promuovere le risorse umane o di prevenire e gestire disagi nelle relazioni interpersonali.
  1. Il Counselling non è psicoterapia;
  2. Il Counselling non è un intervento di cura;
  3. Il Counselling è una relazione d’aiuto disciplinata dalla legge 14 gennaio 2013 n. 4
  4. Il professionista è tenuto a redigere il contratto di consenso informato col cliente e in forma scritta sulla tipologia del contratto erogato e sulla privacy secondo i modello fornito dall'Ass. C.N.C.P., all'interno del quale devono essere richiamati e specificati i criteri metodologici relativi a:
  
 a)   Analisi della domanda
 b)   Scelta dell'intervento di elezione
 c)   adempimenti obbligatory (Privacy)
 d)   carta dei diritti degli utenti

LA GESTALT
 
La Gestalt è una sintesi di conoscenza ed esperienza maturata all’interno della psicologia umanistica, una “cosa viva”, frutto di un processo di trasformazione. Come esperienza viva tende a propagarsi e ad assumere un’attitudine educativa. Nell’evoluzione delle idee di Fritz Perls hanno giocato un ruolo fondamentale le teorie della Psicologia della Forma (Kohler, Lewin ecc.), l’esistenzialismo, la fenomenologia e la psicoanalisi.
 
Secondo Perls la nevrosi non deve essere considerata una malattia, ma semplicemente una stasi, o meglio, una mancanza di “capacità di risposta”. Sintomi di tale stasi sono: il bisogno di manipolare il mondo, una netta riduzione del potenziale umano e la produzione di “vuoti” nella personalità.
 
Da cosa ha origine tale stasi? Nel bambino il superamento delle frustrazioni mobilita il suo potenziale creativo, ma, quando queste sono troppo forti, il bambino assumerà dei ruoli e scriverà così il copione della sua vita. La sua risposta all’ambiente sarà quella di adeguarsi ad un ideale piuttosto che quella di realizzarsi, ed “essere” semplicemente.
 
Si parla di gestalt incompiute quando le nostre risposte agli stimoli sono stereotipate e quindi non efficaci. Chiudere una gestalt significa ritornare sui nostri passi, riattualizzare nel “qui e ora” le cause della stasi, contattarle e attivare risposte diverse ed efficaci. Significa quindi anche essere capaci di riorganizzare creativamente la nostra percezione.
 
Un fenomeno non è un semplice oggetto che deve essere conosciuto, è un avvenimento attivo che “fa” il mondo, che in sé contiene significato esistenziale, cioè senso e motivazione per l’esistenza.
 
In questo approccio il fuoco si sposta dall’oggetto osservato al soggetto osservante. Il concetto “ti sto dicendo ciò di cui hai bisogno” viene sostituito da “sto ascoltando cosa vuoi”. Per giungere ad un vero insight occorrono uno spazio ed una relazione autentici e non dogmatici, una situazione sperimentale in cui possano venire alla luce le alternative agli stereotipati copioni nevrotici e in cui l’esprimersi diventi vita ed arte. La creatività dell’essere umano è una caratteristica naturale, potenzialmente sempre disponibile.
 
Compito del Gestalt Counsellor è promuovere tale potenziale. L’operatore della Gestalt è quell’essere che, dopo aver attraversato un intenso processo di trasformazione, ha l’opportunità di aiutare l’altro nel suo processo di crescita, sviluppando una spiccata attitudine di ascolto e di attenzione.

COUNSELLING AD ORIENTAMENTO GESTALTICO
 
Il Gestalt Counselling utilizza un modello operativo che mette in evidenza l’attenzione continua al presente in un contesto di relazione. E’ un dialogo esistenziale, vivo, capace di ascolto e reale presenza, accogliente e sincero, fuori dai ruoli ma responsabile, che moltiplica la sua efficacia grazie alla carica di umanità che sgorga dalla relazione.
 
Nella relazione Io -Tu si aprono e approfondiscono vari livelli di comunicazione: intrapsichica e interpersonale senza perdere di vista il contesto, il mondo. Nella relazione d’aiuto secondo l’orientamento gestaltico ci si educa ad essere nell’esperienza, in maniera consapevole, nel momento presente, per poter essere chi si è e fare responsabilmente ciò che si fa. La relazione è tesa alla scoperta del proprio potenziale umano e a fare della propria vita un’esistenza unica.

Istituto Miriam Polster

Via San Marcellino 8/A
50125 Firenze (FI)

Segreteria

Dott.ssa Stefania Pagni

Didattica

Dott.ssa Elisabetta Acomanni
 
Torna ai contenuti | Torna al menu